Norme di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti

  • martedì 25 agosto 2020
  • 197 Visualizzazioni
img

Sulla Gazzetta Ufficiale del 12 agosto 2020,  n. 201 è stato pubblicato il Decreto Legislativo del 31 luglio 2020, n. 101 recante: “Attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom e riordino 117” – Entrata in vigore del provvedimento: 27 agosto 2020

Il D.Lgs. stabilisce i requisiti e i regimi di controllo relativi alle diverse situazioni di esposizione, tra cui le spedizioni di rifiuti radioattivi, la gestione del combustibile esaurito e dei rifiuti radioattivi dalla generazione allo smaltimento, secondo quanto previsto dal D.Lgs. 152/2006 e del D.Lgs 36/2003.

Con successivo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri saranno definiti i criteri e le modalità da rispettare per la gestione dei rifiuti radioattivi che presentano anche caratteristiche di pericolosità diverse dal rischio da radiazioni, anche con riferimento allo smaltimento nell'ambiente (art. 55).

L’art. 72 riguarda la sorveglianza radiometrica su materiali, o prodotti semilavorati metallici o prodotti in metallo, per i soggetti che esercitano attività di importazione, raccolta, deposito o che esercitano operazioni di fusione di rottami o altri materiali metallici di risulta, i quali hanno l'obbligo di effettuare la sorveglianza radiometrica sui predetti materiali, al fine di rilevare la presenza di livelli anomali di radioattività o di eventuali sorgenti dismesse, per garantire la protezione sanitaria dei lavoratori e della popolazione da eventi che possono comportare esposizioni alle radiazioni ionizzanti ed evitare la contaminazione dell'ambiente. Lo stesso obbligo si applica ai soggetti che, in grandi centri di importazione di metallo o presso i principali nodi di transito, esercitano attività a scopo industriale o commerciale di importazione di prodotti semilavorati metallici o prodotti in metallo e viene disposto su specifica richiesta delle Autorità competenti. La disposizione non si applica ai soggetti che svolgono attività che comportano esclusivamente il trasporto e non effettuano operazioni doganali.

Viene confermato l’obbligo dell’attestazione dell'avvenuta sorveglianza radiometrica da esperti di radioprotezione di secondo o terzo grado.

Sarà un futuro decreto, da emanarsi entro 120 giorni dall'entrata in vigore del presente decreto, a determinare:

a)  le modalità esecutive della sorveglianza radiometrica, individuate secondo norme di buona tecnica e i contenuti della relativa attestazione;

b)  l'elenco dei prodotti semilavorati metallici e dei prodotti in metallo oggetto della sorveglianza, individuati con riferimento ai prodotti e semilavorati completamente in metallo ed in ragione della loro rischiosità e diffusione, nonché prevedendo forme semplificate delle procedure di controllo per i semilavorati e prodotti costruiti in serie o comunque standardizzati. L'aggiornamento dell'elenco potrà essere effettuato, sulla base delle variazioni della nomenclatura combinata, come stabilite dai regolamenti dell'Unione europea per i medesimi prodotti, con decreto del Ministero dello sviluppo economico adottato su proposta dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli.

c)  i contenuti della formazione da impartire al personale dipendente per il riconoscimento delle più comuni tipologie di sorgenti radioattive ed al personale addetto alla sorveglianza radiometrica, per l'ottimale svolgimento delle specifiche mansioni;

d)  le condizioni di riconoscimento delle certificazioni dei controlli radiometrici rilasciati dai paesi terzi per i quali esistono equivalenti livelli di protezione, ai fini dell'espletamento delle formalità doganali.

Vai alla sezione: NORMATIVE - NORMATIVA NAZIONALE